Nozioni di base sull’UPS

Base di conoscenza UPS

Nozioni di base sull’UPS

Le seguenti basi UPS dovrebbero aiutare ogni nuovo arrivato nel mondo UPS a capire meglio i perché e i come dell’UPS. Qui puoi trovare domande generali su UPS che potrebbero aiutarti a decidere di quale tipo di UPS hai bisogno!

Informazioni sul marchio

BlueWalker GmbH è un’azienda tedesca con più di 15 anni di esperienza nel mercato EMEA. Il nome è stato reso popolare nei paesi di lingua tedesca.

PowerWalker è il marchio di BlueWalker per soluzioni professionali in gruppi di continuità. In tutti gli altri paesi, il marchio PowerWalker si è fatto un nome proprio.

Il logo PowerWalker è un volano. Un dispositivo utilizzato per convertire l’energia cinetica in un’alimentazione di riserva di corrente continua, di solito utilizzato in grandi impianti industriali. La filosofia che c’è dietro è quella di rimanere sempre in movimento, di continuare a camminare.

Il nostro marchio PowerWalker si concentra sull’affidabilità e la qualità dei prodotti UPS ad un ottimo rapporto qualità-prezzo per i nostri clienti.

Grazie alle nostre dimensioni, siamo molto più vicini ai nostri clienti e quindi meglio in grado di fornire soluzioni individuali e mirate. Offriamo una vasta gamma di prodotti e assistiamo e supportiamo i nostri clienti con una hotline di assistenza interna.

Aggiorniamo continuamente i nostri modelli esistenti e miglioriamo ciò che abbiamo per crescere e svilupparci con il mercato e i nostri clienti.

Informazioni generali su UPS

Per la spiegazione tecnica visitate il nostro Lexicon. Gli UPS Off-Line sono progettati per l’utilizzo di piccoli carichi.

Pro:

L’installazione è facile e veloce

Bassi costi per carichi meno critici

Silenzioso (nessuna ventola per il raffreddamento)

Piccolo consumo di energia propria

UPS compatto

Contro:

Di solito producono un’onda sinusoidale simulata

I tempi di trasferimento non sono senza soluzione di continuità

I carichi riceveranno una tensione non filtrata

Campo di applicazione: Casa, ufficio e negozi.

Per la spiegazione tecnica, visitate il nostro Lexicon. Gli UPS Line-Interactive sono progettati per applicazioni di costo medio con livelli di carico moderati.

Pro:

Maggiore protezione con più funzioni

Soluzione conveniente

Per lo più in silenzio. I ventilatori funzionano quando non sono in modalità normale

L’onda sinusoidale pura è un’opzione (dipende dal modello)

Sono disponibili alcuni accessori (dipende dal modello)

Protezione contro le fluttuazioni di tensione

Contro:

Ci sono ancora alcuni piccoli tempi di trasferimento

Non c’è protezione contro i transitori

Non c’è correzione o regolazione della frequenza

Ambito di applicazione: Casa, ufficio, negozi e soluzioni IT e dati.

Per la spiegazione tecnica, visitate il nostro Lexicon. Gli UPS on line sono progettati per i carichi mission-critical.

Pro:

– Doppia conversione, sempre un’uscita pulita

– Per una domanda di alta potenza e per apparecchiature sensibili

– Onda sinusoidale pura in tutte le condizioni

– La frequenza può essere regolata se si desidera

– Zero tempi di trasferimento nelle operazioni standard

– Sono disponibili molti accessori (dipende dal modello)

Contro:

– I ventilatori sono sempre accesi

– Questi prodotti richiedono spazio e conoscenze tecniche

– Alto consumo di energia propria

– Alto investimento

Campo di applicazione: Negozi, soluzioni IT e dati, attrezzature mediche, intrattenimento, situazioni di emergenza e industria e costruzione.

Interruzioni: Conosciuto anche come blackout, un’interruzione completa della fornitura elettrica. A seconda della durata, un’interruzione può essere istantanea, momentanea, temporanea o prolungata.

Fluttuazioni di tensione: Sovratensione e sottotensione sono le più note. Sono entrambi un abbassamento e un rigonfiamento prolungati, rispettivamente. Sags e undervoltage sono entrambi una riduzione della tensione AC in un dato tempo. I rigonfiamenti e le sovratensioni sono entrambi un aumento della tensione AC nel circuito.

Transienti: I disturbi elettrici più dannosi. Un transitorio impusilve è un picco improvviso, comunemente noto come surge o spike. Un transitorio oscillatorio, proprio come il nome, si gonfia e si restringe in forma oscillatoria (come una macchina della verità).

Le conseguenze comuni sono danni ai componenti elettrici, arresto o spegnimento del sistema, riduzione della vita del prodotto, surriscaldamento, sfarfallio, interferenze di comunicazione o perdita completa di dati e hardware.

Per ottenere il prodotto UPS ideale consigliamo al cliente di rispondere alle seguenti domande:

Che tipo di disturbi elettrici volete evitare? Da che tipo di disturbi elettrici volete proteggere i vostri dispositivi? A seconda di questo, raccomanderemo diverse tecnologie UPS. Ogni tecnologia sopprime diversi disturbi nell’alimentazione in entrata (vedi disturbi elettrici).

Dove sarà l’UPS? In una casa, in ufficio, in una stanza a server chiuso o in un cantiere? Questo aiuta anche quando si decide la tecnologia corretta.

Quali componenti elettrici volete proteggere? Conoscete la dimensione approssimativa del carico in kVA? Questo definirà quanto piccola o grande dovrebbe essere la capacità dell’UPS. Considerate anche le correnti di spunto e la caratteristica del carico (induttivo o capacitivo).

Avete bisogno di un tempo di riserva? Se avete bisogno di lunghi tempi di back-up, un UPS con la possibilità di pacchetti di batterie o EBM dovrebbe essere importante. Questo aiuterà a definire quanto tempo extra di back-up l’UPS dovrebbe fornire ai carichi critici.

E ultimo ma non meno importante. Avete bisogno di caratteristiche extra o specifiche? Comunicazione speciale, monitoraggio o gestione.

– L’elettronica di UPS è progettata per funzionare per molti anni. Una corretta manutenzione preventiva e condizioni di funzionamento ottimali prolungheranno ulteriormente questo tempo.

– Se l’UPS è dotato di ventilatori, si consideri che la durata di vita di questo componente rotante è di 5 anni.

– Se l’UPS è dotato di un filtro antipolvere, considerare di controllarlo e sostituirlo non appena è bloccato da “schmutz”.

Si prega di assicurarsi che l’UPS stia funzionando in un ambiente consentito. I limiti possono variare a seconda del modello, ma le condizioni di sicurezza includono:

– 0°C – 40°C (per una lunga durata della batteria, mantenere l’UPS a una temperatura ambiente di 25°C)

– 20% – 80% di umidità relativa senza condensa

– Nessuna acqua stagnante o corrente nelle vicinanze

– Nessuna esposizione alla luce diretta del sole o ad apparecchiature di riscaldamento

– Ingresso elettrico appropriato TN-S 230V a terra

– Assicurare uno spazio sufficiente per la circolazione dell’aria; non coprire mai le prese d’aria o le ventole di raffreddamento

– L’attrezzatura è esclusivamente per uso interno! Valutazione IP di 20!

L’UPS è progettato per funzionare senza manutenzione. Ciononostante, alcuni passi prolungheranno la sua durata di vita! Noi raccomandiamo quanto segue:

– Controllare regolarmente se l’ambiente operativo dell’unità è ancora nelle condizioni raccomandate

– Per la migliore manutenzione preventiva, mantenete l’area intorno all’UPS pulita e senza polvere. Se l’atmosfera è molto polverosa, pulire l’esterno dell’UPS con un aspirapolvere

– Scollegare l’UPS prima della pulizia e non usare detergenti liquidi o spray

Usare panni morbidi e asciutti per pulire il pannello frontale e le parti in plastica. Prestare particolare attenzione alle prese d’aria per il corretto funzionamento dei ventilatori

– Per mantenere la carica ottimale della batteria, lasciare sempre l’UPS collegato a una presa di corrente.

– La vita di progetto della batteria è di 3-5 anni contati dalla data di produzione della batteria, il che significa che il tempo di servizio effettivo contato dalla data di acquisto/installazione può essere più breve. Dopo due anni si raccomanda di controllare rigorosamente e frequentemente (per esempio una volta ogni tre mesi) le condizioni della batteria. Se il tempo di scarica delle batterie completamente cariche è inferiore al 50% del valore nominale, allora le batterie devono essere sostituite

– Ci sono molti fattori che possono influenzare la quantità di energia che il vostro sistema informatico richiede. Per garantire un margine di sicurezza sufficiente in caso di picchi di consumo improvvisi, si prega di mantenere il carico casuale circa il 75% della capacità nominale dell’unità (il sistema funzionerà più stabile)

– Considerando il consumo interno proprio dell’UPS, si prega di mantenere il carico casuale dell’UPS al di sopra del 25% per una prestazione ottimale del sistema. Se il vostro carico è minore, considerate la scelta di un’unità più piccola con un minore consumo proprio per il risparmio energetico

Dipende dalle dimensioni dell’UPS. In ogni scheda tecnica la capacità massima è data in watt e VA. La maggior parte dei dispositivi come PC, stampanti, ecc, mostrano l’uso/consumo di watt. Quando si seleziona l’UPS appropriato per il vostro carico, è necessario considerare non solo il consumo di potenza nominale, ma anche il consumo massimo di potenza, i picchi, le correnti di spunto e anche le distorsioni armoniche. Oltre a questo si consiglia un margine di sicurezza.

Suggeriamo di non collegare più del 75% della capacità nominale in watt dell’UPS.

– Assicurarsi che la batteria sia completamente carica prima di riporre l’UPS

– Spegnere l’UPS e scollegare il suo cavo di alimentazione dalla presa a muro. Scollegare tutti i cavi di uscita

– L’UPS deve essere conservato in un luogo fresco e asciutto

– Per lo stoccaggio prolungato in climi moderati, la batteria dovrebbe essere caricata per diverse ore ogni tre mesi collegando l’UPS alla presa di corrente. Ripetere ogni due mesi in luoghi ad alta temperatura

– Per uno stoccaggio prolungato, si raccomanda di coprire l’UPS per proteggerlo dalla polvere o preferibilmente di imballarlo in un foglio originale, cuscini e scatola

– Si prega di trasportare l’UPS solo nella confezione originale per proteggerlo da urti e impatti

– Il pannello frontale (i pulsanti) deve essere protetto contro l’accensione accidentale dell’unità

– Una tensione pericolosa può ancora essere fornita dalla batteria e l’unità può riscaldarsi nella scatola. Se disponibile, scollegare le batterie per il trasporto

Una tipica ciabatta è valutata a 3000-4000VA, mentre un piccolo UPS domestico potrebbe essere 650-2200VA. Se la ciabatta è collegata con un numero sufficiente di dispositivi e apparecchiature elettriche, la capacità dell’UPS sarebbe già superata. Se davvero necessario, possiamo solo raccomandare che il VA totale non superi quello che l’UPS può consegnare.

Un ulteriore suggerimento o raccomandazione sarebbe quello di collegare l’UPS alla ciabatta e non viceversa. Le tipiche ciabatte hanno già una protezione dalle sovratensioni superiore a quella dell’UPS, e sono molto più economiche. In questo modo, la ciabatta proteggerà prima l’UPS e poi l’UPS i carichi critici collegati.

Ciononostante, funzionerebbe, quindi non è considerato un pericolo serio.

Dipende dalla tecnologia dell’UPS. Per gli UPS Off-Line non è conveniente fare il back-up di tale corrente di spunto. L’UPS andrà in Fault Mode e si spegnerà immediatamente (a meno che l’UPS non sia già sovradimensionato). Per Line-Interactive, si applica lo stesso, a meno che la forma d’onda non sia un’onda sinusoidale pura. Poiché tutti i modelli On-Line forniscono un’onda sinusoidale pura, possono anche lavorare con APFC senza problemi.

Periodo di garanzia per il dispositivo (tutti i componenti oltre alle batterie): 24 mesi
Periodo di garanzia per le batterie: 12 mesi

Informazioni sulla batteria

La durata di vita tipica di una batteria UPS è di 3-5 anni dall’inizio della produzione. Tuttavia la durata della batteria può variare notevolmente a seconda delle condizioni ambientali e della quantità di cicli di scarica. Per esempio, la durata della batteria diminuisce se l’UPS viene utilizzato in un ambiente ad alta temperatura o viene scaricato frequentemente.

Si ricorda che la vita della batteria inizia al momento della produzione (non al momento del primo utilizzo).

Una batteria deve essere ricaricata ogni 3 mesi di stoccaggio (20°C), altrimenti esaurirà la sua capacità. Il freddo e l’asciutto sarebbero l’ambiente di stoccaggio ottimale (<20°C). In un ambiente molto caldo e umido (20°C-40°C), si raccomanda di ricaricarli ogni 1-2 mesi.

Quando un cliente cerca un UPS per salvaguardare il suo carico con un determinato tempo di back-up, si arriva sempre alla decisione finale, di comprare un piccolo UPS con un Battery Pack aggiuntivo o di comprare semplicemente un UPS più grande. A causa della differenza di prezzo (UPS + BP > UPS più grande) il cliente normalmente decide di pagare meno per un UPS più grande che pagare di più e avere la soluzione ideale di un UPS con un BP supplementare.

L’UPS con un Battery Pack può sembrare l’opzione più costosa, ma gli UPS più grandi hanno un maggiore consumo di energia, il che significa che nel corso della sua vita avere un UPS più grande si tradurrà in una bolletta elettrica più alta.

Una delle regole più critiche nella manutenzione e nella sicurezza degli UPS è l’esecuzione di un test regolare della batteria. Il nostro software offre una funzione di programmazione per questo compito. Se le batterie non vengono controllate regolarmente, possono verificarsi le seguenti situazioni:


– La capacità della batteria diminuisce nel tempo e raggiunge un punto in cui non può sostenere il carico abbastanza a lungo. Potrebbe anche rendere l’UPS inutilizzabile.

– La carica continua di batterie difettose può portare a perdite, rigonfiamenti o addirittura bruciature della batteria.

Test di base della batteria

Il software eseguirà un test della batteria di 10 secondi. Si prega di notare che il test prova solo che la batteria terrà il carico collegato per 10 secondi. Quindi, il test determinerà solo se la batteria non è esaurita. Raccomandiamo il test di base almeno una volta al mese.

Test di vita reale

Poiché il tipico tempo di backup previsto è molto più lungo di 10 secondi, si raccomanda una prova di vita reale per assicurare la corretta funzionalità del sistema UPS.

Interrompere l’ingresso (ad esempio, commutando l’interruttore di ingresso o scollegando il cavo di ingresso) e misurare per quanto tempo l’UPS può fare il backup del carico. Conoscendo il carico in watt (lo si può leggere nel software di monitoraggio), lo si può confrontare con le prestazioni reali. Non esitate a contattare il nostro team di supporto se avete bisogno di una raccomandazione. Questo vi darà la migliore visione d’insieme delle condizioni delle batterie.

È anche possibile monitorare il tempo di backup che cambia durante la durata di vita delle batterie. Se scende al di sotto delle vostre esigenze, cambiate le batterie. Si consiglia di eseguire il test di vita reale con il seguente programma:

  • All’inizio di ogni operazione
  • Ogni 6 mesi nei primi 2 anni
  • Ogni 3 mesi dopo 2 anni

Per valutare le condizioni della batteria è necessario controllare la tensione della batteria. Se non è possibile aprire l’UPS e misurare la tensione con un multimetro, è possibile utilizzare lo strumento di misurazione fornito nel software.

Si prega di evitare di interpretare erroneamente la lettura: Quando l’UPS è in carica, applicherà una tensione di carica di circa di 13,7 VDC alla batteria e cercherà di aumentare la tensione della batteria a questo valore. Se il caricatore è attivo, il software non leggerà la tensione della batteria, invece leggerà la tensione del caricatore. Per evitare questo, è necessario passare in modalità batteria (simulare un’interruzione di corrente). Senza ingresso AC, il caricatore si spegne e la tensione della batteria si stabilizza in breve tempo alla sua tensione reale. A questo punto, è possibile ottenere una lettura accurata della tensione della batteria.

Sfortunatamente, se la batteria è in pessime condizioni può spegnere immediatamente l’UPS e si può verificare uno spegnimento immediato. Se il software stava monitorando l’UPS, potrebbe aver registrato una voce con tensione molto bassa prima dello spegnimento.

Si prega di considerare la sostituzione delle batterie se si verifica una delle seguenti condizioni:

– L’UPS mostra un basso livello di batteria nonostante l’abbiate caricato per un tempo sufficiente

– L’LCD dell’UPS visualizza le batterie scariche (dipende dal modello)

– L’UPS funziona per più di 3 anni senza cambiare la batteria

– Il tempo di backup si è sostanzialmente ridotto rispetto alle prestazioni iniziali

– Il test della batteria eseguito regolarmente (programmato dal software) riporterà i problemi delle batterie

Naturalmente le nuove batterie devono avere le stesse specifiche tecniche di quelle vecchie per garantire la piena compatibilità. L’unica eccezione è il parametro più critico – la capacità energetica data in ampere ora (Ah), questa può essere la stessa, più grande o in alcune condizioni anche più piccola delle batterie esistenti. Se insistete per installare batterie di capacità inferiore, consultatevi con noi.

Attenzione: Sostituire sempre tutte le batterie all’interno dell’UPS alla volta, non mischiare mai quelle vecchie con quelle nuove. Usare solo un tipo di batterie, non installare mai tipi misti di batterie.

La capacità della batteria (Ah) influenzerà direttamente il tempo di backup, ma rimarrà compatibile con l’UPS se gli altri parametri sono soddisfatti. Si prega di prestare attenzione ai parametri:

– Le dimensioni devono essere 99 x 65 x 151 +/-2 mm, dotate di terminale T2 – la batteria deve essere inserita nello stesso posto

– Batterie speciali UPS per applicazioni a scarica profonda; non usare mai batterie per auto

– Tensione nominale: 12VDC; Tensione di carica fluttuante 13.6-13.8VDC o più ampia; Tensione di carica per uso ciclico 14.5-15.8VDC o più ampia

– Massima corrente di scarica continua: minimo 40A

– Corrente massima di carica: minimo 2A

– Capacità minima raccomandata come le batterie da sostituire

– Le temperature di lavoro devono essere adatte al vostro ambiente (considerare per applicazioni speciali nel deserto/artico)

Suggerimento: Come può sembrare che ci siano molti parametri da controllare, in realtà c’è uno standard industriale comune per gli UPS e nella maggior parte dei casi chiedere le batterie UPS al tuo negozio locale sarà sufficiente.

Diversi produttori di batterie forniscono diversi modi per determinare la capacità della batteria. C’è poca standardizzazione e i parametri possono variare tra i produttori di batterie. Per questo motivo, alcuni produttori di batterie forniscono la capacità della batteria in diversi formati, come “300W/5min” o altri dati utili.

Essenzialmente, una batteria da 7Ah significa che fornirà 0,35A (corrente) per 20h (totale 20h x 0,35A = 7Ah). Questo valore è sempre dato in riferimento al periodo di tempo di 20h, come concordato dall’industria. È falso supporre che possa fornire 35A per 0,2h (12min).

Perché? All’interno della batteria, deve avvenire una reazione chimica. La batteria è in grado di fornire la capacità mostrata in 20 ore, ma in un tempo inferiore, la reazione chimica non può avvenire completamente (non è abbastanza veloce).

Le batterie più generiche da 7Ah sono in grado di fornire circa 12A per 12min, che è una prestazione migliore di una batteria da 8Ah con una normale erogazione chimica di 0,4A per 20h.

Queste batterie sono chiamate batterie “ad alta scarica”. Pur avendo la stessa capacità nominale della batteria di 20 ore, possono fornire anche il 50% di potenza in più per periodi più brevi come 5-10 minuti! Valutazione di gran lunga più critica per l’applicazione UPS rispetto alle batterie con rating 20h.

Potete acquistare le batterie di ricambio presso il vostro rivenditore locale o presso BlueWalker GmbH